Lettere a Babbo Natale

Cari Trentenni, credete di essere troppo grandi per scrivere una lettera a Babbo Natale? Non ne sentite il bisogno?
Secondo Babbo Natale in persona, non è proprio così. Leggete che ne pensa qui sotto e se vi va, scrivetegli due righe veloci. Le lettere più carine saranno pubblicate su questo blog e sulla pagina Facebook di Variegatoaitrenta! Ah e dimenticavo, Buon Natale

tim-mossholder-458969.jpg

photo credits: Photo by Tim Mossholder on Unsplash

Ciao ragazzi e ragazze trentenni, sono Babbo Natale.
Finalmente anche io ho la connessione veloce e stavolta un post online lo scrivo io, anziché voi. Perché ho capito che avete bisogno di me.
E’ tanti anni che non ci parliamo ma…se devo dirvi la verità…vi ritrovo un po’…confusi diciamo.
Io mi ricordo che quando i vostri genitori avevano la vostra età, non erano mica confusi come voi, sapete? Saranno questi social network, saranno i tempi moderni, sarà che io sono invecchiato e non vi sto più dietro, ma loro a me, sembravano più semplici. Almeno io me li ricordo così. Puntualissimi mi inviavano le letterine per conto dei loro bimbi, cioè le vostre letterine.

Ora…altro che letterine. Scopro che addirittura avete a disposizione interi siti, anzi “blog” come li chiamate voi, dedicati allo scambio di pensieri nostalgici sulla vostra vita da trentenni. Dunque, gli ho dato un’occhiatina e la cosa mi incuriosisce molto. Siete strani ma…siete simpatici sapete?! Con tutte quelle foto dei cartoni anni ‘90. Che cari. Vi mancano quegli anni eh? Sapete, mi sono sempre piaciute le persone nostalgiche e romanticone. E poi, anche a me quel periodo piaceva tanto. Vi ricordate che successo strepitoso ho avuto nella pubblicità della Coca Cola, in quegli anni?
E comunque visto che ora ho capito che avete ancora bisogno di me, vi faccio una sorpresa e per questo Natale vi metto a disposizione una casella di posta, solo per voi. Sapete ragazzi, è sempre bello sentirsi utili!

…E pensare che non avrei mai pensato potesse ancora farvi piacere scrivermi, superati i trenta addirittura!! Che ne potevo sapere io che in realtà voi aveste bisogno ancora di me, di Babbo Natale in persona…Che rimpiangete le Barbie, il Game boy e le vostre musicassette di Fivelandia che riavvolgevate con la matita, ascoltate nel vostro lettore Fisher Price che portavate in giro per casa. Quanti ve ne ho consegnati di questi giochi!?! Ma ragazzi sia chiaro, bella la nostalgia ma non disprezziamo la tecnologia. Se vi ho ritrovato, è proprio grazie a lei.
Da pochi giorni ho la connessione veloce in fabbrica. E appena lo ha saputo, la Befana, mi ha regalato uno smartphone e un pc nuovo, per aiutarmi a tracciare le spedizioni delle renne nei prossimi giorni. Sapete, io da solo non lo avrei mai fatto questo passo così avanzato. Ma si sa che le donne sono avanti. Non potremmo proprio stare senza di loro, ragazzi miei. Non dimenticatelo mai. E trattatele sempre con i guanti bianchi, mi raccomando. A tutte le età.

Tornando a noi, quindi, vi prometto, in memoria dei vecchi tempi, che se mi invierete qualche letterina entro una decina di giorni, visto che siamo ancora in tempo per mandare gli ordini, vi proverò ad accontentare. Non chiedete cose troppo strane però, come facevate quando eravate piccoli. E non mandate whatsapp. Mandate mail. Ok?? Che con le chat ancora non sono abbastanza veloce.
Magari scrivetemi due righe in pausa pranzo, dai, non ci vuole molto tempo.
Scelgo di dirvelo da qui, da questo sito così strano sui trentenni che si chiama #Variegatoaitrenta, come il libro dal quale è nato. Buffo. Ma a me questa storia del gelato variegato, che è un po’ fantasiosa e un po’ retrò, a occhio mi piace. Perché mi ricorda il freddo della Lapponia.

Per l’occasione usiamo anche il suo indirizzo mail. Me lo prestano per il periodo di Natale: variegatoaitrenta@gmail.com. Scrivetemi. Ci conto.
Buon divertimento e Buon Natale Trentenni!