Condividi

Chi era Highlander? Era un uomo, immortale, protagonista di un film della fine degli anni’80. Da quel giorno nel quale abbiamo visto per la prima volta quel film con Christopher Lambert, quando parliamo di Highlander, ci riferiamo automaticamente a qualcuno che per noi è invincibile, insuperabile. Ma oggi chi è per noi veramente un uomo Highlander?

Highlander è qualcuno che tiene duro e combatte. Combatte nella vita in generale e anche per te. Prima per averti ma soprattutto poi per tenerti con se. Lui non è uno che si illude di ottenere tutto così facilmente oggi, subito senza fatica. Lavora sodo e guadagna il suo terreno centimetro dopo centimetro. Quello che ottiene nella sua vita è conquistato. Ecco perché conosce il valore delle cose. E anche il valore dei sentimenti. E’ consapevole di quello che fa ed ecco perché può essere pienamente fiero per i suoi traguardi. Non si illude che non esistano gli errori ed il fallimento. Li mette in conto prima, in modo da sapere che si dovrà sempre rialzare in qualche modo.

Non preferisce la squinzia preconfezionata su Instagram a te. La guarda eh, eccome se le guarda. Ma sceglie te a quell’apparentemente gnocca e piena di filtri della squinzia, anche se in foto non vieni bene come Penelope Cruz e i selfie che conservi nel tuo cellulare farebbero spaventare qualunque ladro di iphone impiccione. Highlander combatte, non lo dimentichiamo, ce l’ha nel sangue. Ha resistenza. L’uomo Highlander non è quello che a vent’anni pensa di essere già arrivato e fa lo splendido e che a volte risulta anche un bel po’ arrogante e saccente ma quello che via via riconosce quanta strada dovrà fare e che con pazienza e grinta si rimbocca le maniche. Faticoso sì ma se sei un uomo Highlander sei così. D’altronde chi lo ha mai detto che la vita sia facile?
Eh, lui lo sa, la sua vita non ha sempre gli effetti speciali di un film di Spielberg ma non è neppure la parodia delle vite messe in scena da Vanzina.

Variegato ai trenta uomini hihglander uomini alfa uomo alfa

E’ quell’uomo Con la U maiuscola che se vuole uscire con te, ti chiama. Usa quell’oggetto misterioso che è lo smartphone per dimostrarti che le telefonate esistono ancora per quanto pesi a molti uomini farle, le telefonate. E visto che le donne lo sanno quanto faccia fatica a molti uomini usare il telefono, un uomo che chiama guadagna un bel po’ di punti, con così poco sforzo da parte sua, in fondo. Ma lui è bravo e lo sa. D’altronde non usa solo le chat tutte uguali per mandare a dieci-ragazze-per-lui lo stesso sms per farle abboccare in un giorno in cui non aveva nulla di meglio da fare. Il nostro uomo Highlander non ha più diciotto anni. E se si comporta così superati i trent’anni, non è un highlander. Lui ti conquista con galanteria. Non attende passivamente che sia la donna a fare il primo passo. Va bene la modernità…ma in lui prevale la galanteria. Lui rischia. Lui a volte ti stupisce.

L’uomo Highlander rispetta le donne. Le adora e le rispetta profondamente.

E’ lui che ti coccola dicendo di non preoccuparti. Tu sei donna e in quanto tale comunque ci penserai o ti preoccuperai perché sei fatta così, con l’ansia che scorre nelle vene come a diluire il sangue, ma il fatto che lui ci tenga a dirtelo a te fa già stare bene. Lui è quello che non sopporta che tu sia così ansiosa. D’accordo, è highlander, mica è santo. Ed è sempre un uomo. Con i suoi pregi e i suoi difetti. È colui che abbraccia, avvolge e ti stringe, ti avviluppa come in un incantesimo. Il suo abbraccio irradia calore, ti protegge e ti fa dimenticare le volte nelle quali litigate. Lui non si tira indietro se c’è un problema. No, anzi, quindi se al primo problemino tra voi sceglie la strada in discesa tornando di corsa dalla ex, non è degno di essere considerato Highlander. E’ solo un uomo come tanti. Questo titolo onorifico gli sarà subito ritirato all’unanimità. C’est la vie.

Lui ti fa ridere e ride con te. Questo sì che è un potere invincibile.
Lui vuole te e sa che le difficoltà non mancheranno ma non si spaventa come tutti gli uomini non Highlander alzando i tacchi ed andandosene.

L’Uomo Highlander ti guarda negli occhi perché sa che ogni sguardo rappresenta una pagina della tua anima. E a lui piace sfogliarla. Chi non ti guarda negli occhi ma guarda solo altro, di Highlander non merita neppure un appellativo per sbaglio.

Lui non è perfetto, sbaglia e si arrabbia, anche con te, con il mondo. Ribadiamolo, non è mica un santo! E’ un uomo. Con tutte le sue caratteristiche. Bisogna pensare che poi combattere con questa grinta da Highlander spesso può stancare. Può farti diventare a volte irascibile, magari può farti diventare anche intrattabile. Poi però l’uomo Highlander si riprende e torna in sè. D’altronde anche i più invincibili hanno bisogno di ricaricare le batterie per dare il loro meglio.

L’uomo Highlander è quello che c’è sempre. Lo senti vicino anche quando è lontano. E per il fatto stesso di esserci risulta diverso e invincibile ai nostri occhi. Dietro le sue spalle ci ripareremo e sotto la sua giacca ci scalderemo quando inizierà a piovere all’improvviso. Lui è sicurezza, è certezza. E’ la strada sicura senza accendere il navigatore. E’ l’ombrello quando piove e la coperta calda quando hai freddo.

Lui non è perfetto. Con lui litighiamo, discutiamo. Come Pepper e Ironman però, con quell’affiatamento che si vede da fuori e che crea quella impalpabile magia che puoi percepire anche in mezzo alla litigata più tempestosa. Ci piace pensare che quando torna il sereno Pepper coccoli sempre Ironman, affinchè Ironman sia la versione migliore di quello che può essere, cioè quello che è diventato con lei.
Passiamo ore a leggere libri o guardare film nei quali c’è sempre un Tarzan per una Jane ed un Superman per una Lois Lane sapendo che sono solo storie inventate, film o fumetti e che noi non siamo né Lois Lane né Jane. Che non esistono uomini immortali e, in fondo, neppure invincibili. Però ci piacerebbe sapere che c’è un uomo che oltre ad avere la U maiuscola, non sia soltanto un uomo Alfa ma molto di più, un uomo Highlander. Quello che è invincibile-per-noi. Chissà…esisteranno ancora gli uomini Highlander?

Condividi